Ti trovi in:

Home » Aree tematiche » Edilizia Agevolata e Pubblica » EDILIZIA AGEVOLATA

EDILIZIA AGEVOLATA

Sono di competenza dell’ufficio edilizia abitativa le seguenti attività:

  • ­gestione amministrativa e tecnica delle domande di edilizia abitativa agevolata per l’acquisto, il risanamento e l’acquisto/risanamento della prima casa di abitazione a favore di giovani coppie sposate o conviventi e nubendi, e delle domande di costruzione a favore di Cooperative Edilizie, ai sensi dell’art. 54 della L.P. 1/2014 – Piano Casa 2015/2018 - Le domande possono essere presentate dal 7 gennaio al 7 marzo di ogni anno;
  • ­gestione amministrativa e tecnica delle domande di contributo per l’installazione di impianti di allarme e/o di videosorveglianza nella prima casa di abitazione, ai sensi della L.P.  n. 1/2014 art. 54, comma 3;
  • ­gestione amministrativa e tecnica delle domande di contributo di edilizia agevolata a sensi della L.P. 18.06.1990 n. 16 (interventi a favore delle persone anziane). Con delibera n. 963 del 16/06/2014 la Giunta Provinciale ha stabilito che a decorrere dal 1° luglio 2014 è sospesa la raccolta delle domande;
  • ­gestione amministrativa e tecnica delle domande di contributo per interventi diretti a favorire il recupero e la valorizzazione degli insediamenti storici a sensi della L.P. 15.1.1993, n. 1. Attualmente non sono aperti i termini per la presentazione di domande di contributo.

 

L’ufficio provvede inoltre, con riferimento a tutte le leggi provinciali in materia di edilizia abitativa a:

  • predisporre le autorizzazioni al trasferimento di contributi su altri alloggi o fra cobeneficiari;
  • predisporre il subentro nei contributi e nei vincoli (a seguito di decesso);
  • autorizzare la surroga dei mutui;
  • autorizzare la sospensione dei pagamenti di rate del mutuo.
Immagine decorativa
Trasferimento mutuo agevolato ad altra banca

Il mutuo agevolato può essere trasferito ad altra banca, purchè convenzionata con la Provincia Autonoma di Trento, a condizione che:

  • la tipologia di contributo pubblico (costante o variabile) rimanga invariata;
  • la surrogazione non comporti costi aggiuntivi a carico del bilancio provinciale;
  • l'importo del nuovo mutuo non sia superiore ad debito residuo pre-surrogazione.

La domanda di surrogazione del mutuo agevolato può essere presentata entro i seguenti termini:

  • dal 15 marzo al 31 maggio: la prima rata con la nuova banca decorre dal 1° luglio successivo
  • dal 15 settembre al 30 novembre: la prima rata con la nuova banca decorre dal 1° gennaio successivo

Nel caso in cui il beneficiario intenda cedere entro dieci anni dalla data del verbale di accertamento di fine lavori o dalla data del verbale di consistenza e conformità, in tutto o in parte, la proprietà degli alloggi oggetto di contributo, è tenuto a notificare all'ITEA S.p.A. il prezzo di vendita. L'ITEA S.p.A, entro sessanta giorni dalla notifica, può esercitare il diritto di prelazione sull'alloggio oggetto di compravendita ad un prezzo pari a quello indicato dall'interessato; in caso di non esercizio del diritto di prelazione, il beneficiario, entro 60 giorni dalla data di vendita dell’immobile, comunica all’ITEA il prezzo di cessione risultante dal contratto di compravendita.

Indipendentemente dall’esercizio del diritto di prelazione da parte dell’ITEA, il beneficiario deve restituire all’ente concedente una quota dei contributi già erogati, aumentati degli interessi nella misura e con le modalità stabiliti dalla Giunta Provinciale.

Tale restituzione non è dovuta se il beneficiario trasferisce i contributi non ancora erogati su altro alloggio sito nella provincia di Trento ed avente le caratteristiche previste dalle disposizione per l’edilizia abitativa agevolata. Il trasferimento è possibile se il beneficiario dimostra, alla data della cessione dell'originario alloggio oggetto di contributo, di essere in possesso dei requisiti previsti. In tal caso i vincoli si trasferiscono, per la durata residua, sul nuovo alloggio.

Immagine decorativa

SOSPENSIONE DEI TERMINI

PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Immagine decorativa
Contributi installazione di impianti di allarme e/o videosorveglianza
nella prima casa di abitazione

Presentazione domande: 8 marzo - 8 aprile 2016

Immagine decorativa

Sospensione del piano casa a favore delle giovani coppie e nubendi

Con nota di data 21/12/2016 il Servizio Autonomie Locali della Provincia autonoma di Trento, Ufficio Politiche per la Casa, ha comunicato la sospensione del Piano casa a favore delle Giovani coppie e nubendi, di cui all'articolo 54 della legge provinciale 22 aprile 2014, n. 1, a partire dall'anno 2017.

Per tale motivo non è possibile presentare domande per accedere ai contributi acquisto, acquisto/risanamento e risanamento della prima casa di abitazione.