Ti trovi in:

Home » Aree tematiche » Edilizia Agevolata e Pubblica » EDILIZIA AGEVOLATA » contributi allarmi e/o videosorveglianza - L.P. 1/2014 art. 54 c. 3

contributi allarmi e/o videosorveglianza - L.P. 1/2014 art. 54 c. 3

Immagine decorativa
Contributi installazione di impianti di allarme e/o videosorveglianza
nella prima casa di abitazione

Presentazione domande: 8 marzo - 8 aprile 2016

 Interventi incentivabili

  • installazione di un impianto di allarme ovvero di un sistema elettronico il cui scopo è di dare un allarme in caso di intrusione non autorizzata. L'impianto di allarme è costituito da vari sensori in grado di individuare un accesso non autorizzato e segnalare tale situazione ad una centralina elettronica;
  • installazione di un impianto di videosorveglianza (o impianto TVCC, televisione a circuito chiuso) ovvero di un sistema proprietario costituito da unità di ripresa (telecamera), apparati di visualizzazione (monitor), apparati di trasmissione, di comando, di illuminazione, di gestione, di videosorveglianza necessari alla sorveglianza di una determinata area.

L'intervento deve essere eseguito sulla prima casa di abitazione ovvero quella destinata a residenza del nucleo familiare del soggetto richiedente il contributo; la residenza è comprovata con il certificato anagrafico. Sono ammessi a contributo gli interventi fatturati a partire dalla data di apertura dei termini per la presentazione della domanda di contributo (8 marzo 2016).

Requisiti di ammissione a contributo

  1. avere la cittadinanza italiana o di uno dei paesi dell'unione europea; ai sensi della L.P. 13/1990 possono accedere ai benefici anche gli stranieri titolari di permesso CE per soggiornanti di lungo periodo o permesso di soggiorno e in costanza di lavoro o iscritti ai centri per l'impiego;
  2. essere residenti anagraficamente in provincia di Trento da almeno 2 anni in via continuativa o esserlo stati per un periodo complessivo, anche se non continuativo, di almeno 10 anni;

Requisiti degli impianti

Gli interventi di installazione di impianti di allarme e/o di videosorveglianza nella prima casa di abitazione devono essere conformi alle norme del gruppo CEI EN50131 per gli impianti di allarme e alle norme del gruppo CEI EN50132 per gli impianti di videosorveglianza.

Entrambe le tipologie di interventi devono essere garantite per almeno 2 anni dalla data dell’installazione.

Misura del contributo e spesa ammissibile

Spesa massima ammissibile € 4.000,00 (IVA inclusa) alla quale corrisponde un contributo in conto capitale pari al 40%.

Modalità di presentazione domande

Le domande vanno presentate all’Ufficio Edilizia della Comunità della Valle di Sole.

Alle domande deve essere allegato l'indicatore ICEF Edilizia Agevolata riferito al nucleo familiare occupante l'alloggio oggetto di agevolazione nonché la documentazione indicata sul modulo di domanda.

Gli interventi previsti non sono cumulabili con contributi o agevolazioni fiscali previsti da normative statali.

Per ulteriori informazioni : Clicca qui

GRADUATORIA - domande 2016