Ti trovi in:

Home » Aree tematiche » Sociale » Iniziative e progetti » Promozione accoglienza in famiglia

Menu di navigazione

Aree tematiche

Promozione accoglienza in famiglia

di Mercoledì, 29 Giugno 2016
Immagine decorativa

Promozione accoglienza in famiglia

Una tematica importante di tipo promozionale è quella inerente l’approfondimento conoscitivo del lavoro educativo e di cura svolto dalle famiglie e sui cambiamenti legati ai nuovi bisogni e ai rischi di fragilità a cui sono esposte, contemplando altresì il rilancio di una azione di sensibilizzazione e di avvicinamento alle diverse forme di accoglienza, con l’allargamento dell’esperienza ad un bacino più ampio di famiglie, con bisogni anche semplici di limitato impegno sul versante della conciliazione famiglia – lavoro.

L’attività, verrà coordinata principalmente dal Servizio Sociale, in relazione ai diversi campi d’intervento (minori, anziani, disabilità, immigrazione ecc), sulla base degli accordi maturati all’interno dell’apposito gruppo di lavoro e del materiale informativo dallo stesso elaborato in collaborazione. con gli operatori del Progetto “Promozione Accoglienza in Famiglia” del Servizio Politiche Sociali e abitative della PAT.

 

Che cos'è il Progetto Promozione e Accoglienza in Famiglia
Premessa Il “Progetto Promozione Accoglienza in Famiglia” nasce dalla sinergia tra Acfa (Associazione Comunità Famiglie Accoglienti) e la Provincia Autonoma di Trento, nella forte condivisione dell’idea che la famiglia, come primo nucleo di riconoscimento e partecipazione individuale e sociale, è risorsa e forza nella e della comunità per tutti i soggetti che vi abitano.

Numerose le iniziative attorno al tema dell’accoglienza familiare promosse sul territorio in questi ultimi anni e nate in maniera “diretta” e peculiare:dalla concreta percezione di un bisogno, dalla valutazione di una specifica potenzialità della “risorsa-famiglia”, dall’emergere di una disponibilità familiare all’accoglienza o al confronto interpersonale attorno a tale tema.

Si sono moltiplicati così gli interventi e le richieste stesse di formazione, di sensibilizzazione e confronto da parte di enti pubblici, privati eo del privato-sociale nonché da realtà di volontariato e dell’associazionismo, individuando un crescente bisogno ma anche una importante risorsa nell’ottica della sussidiarietà e della capacità della comunità di prendersi cura dei suoi membri, di assumere responsabilità ed organizzarsi di fronte a diversi bisogni espressi (community care).

Ciò ha di conseguenza anche “ampliato” ed arricchito il concetto di accoglienza in famiglia sottolineando le potenzialità della risorsa e la possibilità di interloquire e rispondere ad una molteplicità di situazioni di bisogno: adulti, handicap, disagio psichico, anziani, stranieri, famiglie in difficoltà ecc.

Tali percorsi vanno sicuramente sostenuti ed “accompagnati : le famiglie accoglienti, a prescindere dall’ambito entro il quale offrono la loro disponibilità, non esistono prima ed al di là della richiesta di disponibilità e di impegno; esse emergono grazie ad un’interazione attiva e complessa con i servizi pubblici o privati che siano e con i bisogni sociali emergenti. E’ nell’interazione sociale che si sviluppano quelle relazioni e quei processi da cui nascono poi le disponibilità concrete delle famiglie accoglienti. Da tali presupposti e dalla volontà di non disperdere il bagaglio culturale e vitale fino ad oggi espresso sul e dal territorio, si determina l’opportunità di individuare forme ed azioni organiche e sinergiche sul territorio provinciale, per promuovere e sostenere la cultura e la realtà dell’accoglienza familiare.

Il “Progetto Promozione Accoglienza in Famiglia” si attua come realizzazione di quanto previsto dall’azione 25 del “Piano di interventi in materia di politiche familiari” , nello specifico delle azioni previste nel settore della sussidiarietà, volte a responsabilizzare i molti attori sociali, sia pubblici che del privato sociale, verso politiche partecipative. Obiettivi Il presente progetto intende promuovere la cultura dell'accoglienza familiare nel territorio trentino, valorizzando e potenziando le nuove iniziative emergenti e le esperienze di promozione e sensibilizzazione sperimentate in questi anni da enti pubblici e realtà del privato sociale. Risulta infatti importante diffondere l'istituto dell'accoglienza familiare attraverso la messa in rete delle realtà interessate in un ottica di sussidiarietà, sostenendo i processi di progettazione e collocandoli all'interno di una programmazione provinciale più ampia in materia di valorizzazione, sostegno e promozione della risorsa famiglia. In ultimo risulta importante raccogliere la sfida “lanciata” dal territorio che indica l’opportunità e l’importanza di valorizzare il concetto di accoglienza in famiglia nelle diverse espressioni che sa e può assumere, interlocutore con diversi bisogni emergenti egualmente importanti e di cui siamo egualmente responsabili (anziani, disagio psichico, handicap, stranieri, famiglie in difficoltà…).

 

A chi si rivolge
Il Servizio si rivolge ai singoli, alle famiglie, alle organizzazioni che operano per la famiglia, agli enti pubblici e privati presenti sul territorio provinciale.

Servizi offerti
Il servizio svolge, quali azioni di promozione della cultura dell'accoglienza: - attività di sportello per informazione e consulenza; - interventi di sostegno alla progettazione, attivazione e realizzazione di processi di promozione dell’accoglienza familiare; - monitoraggio delle esperienze svolte e in atto, delle risorse presenti o potenziali, dei bisogni emergenti; - attività di scambio, di collegamento e di messa in rete tra i diversi soggetti coinvolti nonché delle diverse esperienze presenti sul territorio.

 

RESPONSABILE AMMINISTRATIVO
dott. Paolo Facchinelli
Tel. 0463.90.39.02 - Fax. 0463.90.19.85
E-mail: paolo.facchinelli@comunitavalledisole.tn.it

 

ORARI E RICEVIMENTO

dal lunedì al giovedì
09.00-12.15 14.15-16.30

venerdì
09:00 - 12:15