Menu di navigazione

Aree tematiche

S.I.A.

S.I.A. – Sostegno all'inclusione attiva

Misura nazionale di contrasto alla povertà assoluta che si inserisce nel contesto di una riforma più ampia che introdurrà in Italia il Reddito di Garanzia il cui successo è legato alla capacità dei servizi territoriali di accompagnare l’erogazione economica a progetti di attivazione e inclusione sociale e lavorativa finalizzati all’autonomia dei beneficiari. La misura, nell’ attesa di essere disciplinata dalla PAT nell’ambito delle proprie prerogative autonomistiche, ha avviato la propria operatività a partire dal 2 settembre 2016, ai sensi del Decreto interministeriale del 26 maggio 2016 ( pubblicato sulla gazzetta Ufficiale n.166 del 18 luglio 2016) e dell’avviso pubblico n.3/2016 concernente le modalità operative di compilazione e la raccolta delle domande da inviare all’ INPS, secondo modalità telematiche dallo stesso predisposte. Detto avviso individua tre macro-aree per le azioni ammissibili al finanziamento:

- Azione A, dedicata al rafforzamento dei servizi sociali ( servizi di segretariato sociale e per la presa in carico, nonché servizi informativi all’utenza);

- Azione B, riguardante gli interventi socio-educativi e di attivazione lavorativa ( tirocini, borse lavoro,orientamento, consulenza e informazione per l’accesso al mercato del lavoro, formazione per il lavoro);

- Azione C, finalizzata alla promozione di accordi di collaborazione di rete, nella quale rientrano tutte le attività destinate agli operatori degli ambiti territoriali, dei centri per l’impiego, dei servizi per la salute, l’istruzione e la formazione, così come le azioni di networking connesse al SIA ( accesso, presa in carico, progettazione).

L’implementazione della nuova misura avviene sulla base di risorse umane, strumentali e finanziarie attualmente disponibili con titolarità posta in capo alla PAT, che si avvale per l’esercizio delle funzioni dei servizi sociali della  Comunità sia per l’istruttoria delle  domande da inviare per l’erogazione economica all’INPS con service amministrativo dell’APAPI, sia  per  la gestione dei progetti di inclusione sociale e lavorativa da organizzare tramite èquipe multidisciplinari  con la presenza anche dell’Agenzia del Lavoro e i locali Centri per l’impiego.