Ti trovi in:

Home » Aree tematiche » Edilizia Agevolata e Pubblica » EDILIZIA PUBBLICA » Contributo integrativo per alloggi locati sul libero mercato - L.P. 15/2005

Contributo integrativo per alloggi locati sul libero mercato - L.P. 15/2005

Immagine decorativa

Le domande di contributo integrativo sul canone di affitto

 devono essere presentate

dal 16 SETTEMBRE AL 13 DICEMBRE 2019

Requisiti necessari:

  • cittadino italiano o di altro stato appartenente all'Unione Europea;
  • cittadino extracomunitario con regolare permesso di soggiorno o diritto di soggiorno permanente per familiari di cittadino UE oppure titolare di permesso di soggiorno di breve periodo in costanza di lavoro o iscritto nelle liste di collocamento;
  • residenza anagrafica in Italia per almeno 10 anni;
  • residenza anagrafica in un Comune della Provincia di Trento da almeno 3 anni in via continuativa alla data di presentazione della domanda;
  • appartenenza ad un nucleo familiare con indicatore ICEF non superiore a 0,23;
  • assenza di titolarità, riconducibile all'intero nucleo familiare, di un diritto esclusivo di proprietà, usufrutto o abitazione su un alloggio adeguato, con riferimento al triennio precedente la presentazione della domanda.

Documentazione necessaria:

  • marca da bollo da € 16,00;
  • copia completa dell’attestazione ICEF 2019 per accesso edilizia pubblica;
  • dichiarazione sostitutiva di certificazione utilizzando il modello disponibile presso l’ufficio relativamente al periodo di residenza anagrafica in Italia, in Provincia di Trento e nel territorio della Comunità della Valle di Sole;
  • autocertificazione anni complessivi di attività lavorativa svolta in Italia (al fine di dichiarare correttamente tale condizione si consiglia di presentarsi con l’estratto conto previdenziale rilasciato dall'ente di previdenza;
  • eventuale copia contratto di lavoro in corso della coniuge o convivente lavoratrice solo in caso di nuclei familiari con presenza di minori;
  • eventuale certificato invalidità;
  • eventuale sentenza di omologa di separazione emessa dalla competente autorità;
  • solo per cittadini extracomunitari: permesso CE oppure permesso di soggiorno.
  • copia contratto di locazione in corso regolarmente registrato, stipulato ai sensi della L. 431/98 art. 2 e comunque non transitorio, relativo ad un alloggio ubicato nel territorio della Comunità della Valle di Sole.

Altre condizioni necessarie per la presentazione della domanda:

  • il nucleo familiare di appartenenza deve essere beneficiario della componente del Reddito/Pensione di cittadinanza prevista dall’art. 3 c. 1 lett. B) del D.L. n. 4/2019 o deve averne richiesto il riconoscimento; se non sussiste tale condizione, entro il termine di tre mesi dalla data di presentazione della domanda per il contributo integrativo, a pena di dichiarazione di inammissibilità della stessa, il soggetto richiedente o un componente del nucleo di appartenenza è tenuto a presentare la richiesta di Reddito/Pensione di cittadinanza oppure a trasmettere all'ente locale una dichiarazione attestante la mancanza da parte del nucleo di appartenenza dei requisiti per l’accesso al reddito di cittadinanza;
  • l’alloggio locato deve essere ubicato sul territorio della Comunità della Valle di Sole;
  • il contratto di locazione oggetto di agevolazione non deve essere stipulato tra coniugi non legalmente separati e parenti o affini di primo grado;
  • il contratto di locazione oggetto di agevolazione deve essere stipulato ai sensi dell’articolo 2 della Legge 9 dicembre 1998 n. 431;
  • sono esclusi gli alloggio appartenenti alle categorie catastali A1, A7, A8, A9 e quelli di edilizia abitativa pubblica locali a canone sostenibile.

Il nucleo familiare al momento della domanda deve necessariamente coincidere con quello risultante dalla certificazione anagrafica del Comune di residenza, salvo alcune eccezioni espressamente previste dalla normativa vigente.

Il contributo integrativo è concesso per un periodo di 12 mesi rinnovabile per ulteriori 12 mesi. Coloro che hanno beneficiato del contributo integrativo per due anni consecutivi non possono beneficiarne per il periodo immediatamente successivo, salvo casi particolari per i quali vengono applicati le deroghe previste dalla normativa.

Questionario di valutazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?